Parma capitale europea del cibo … ma non solo

Abbiamo approfittato del ponte del 1 maggio per visitare Parma e dintorni.

Parma è una città dell’Emilia-Romagna, famosa per il il parmigiano reggiano, il prosciutto, il culatello, il salame felino, ecc., promossa dall’Unesco “città creativa della gastronomia”

Il cibo è il simbolo di una comunità e così nel 2016 Parma diventa la capitale mondiale del gusto con le sue eccellenze.

Ci sono una miriade di ristoranti a  prezzi molto accessibili, con panaretti di affettati , anolini e tortelli d’erbetta , piatti ricchi e gustosi e ricette che invitano a riscoprire il piacere della tavola.

A Parma non c’è solo cibo ma anche molta cultura: da non perdere La Galleria Nazionale, che espone opere dei pittori Correggio e Canaletto, lo splendido teatro Farnese e la bellissima Biblioteca Palatina.

Li puoi visitare tutti con un unico biglietto e si trovano tutte all’interno dell’imponente Palazzo della Pilotta.

Piazza del Duomo è una delle più belle piazze d’Italia: il Duomo, il Battistero e il Palazzo Vescovile creano una scenografia unica.

Il Duomo è una splendida Cattedrale romanico-rinascimentale completamente affrescata, tra le più belle che ho visto, e tocca l’apice nella splendida cupola magistralmente affrescata dal Correggio. L’entrata è gratuita.

Assolutamente da vedere è il Battistero di struttura ottagonale, uno dei simboli di Parma. Esternamente  è molto semplice in marmo rosa di Verona ma l’interno lascia a bocca aperta per abbondanza di affreschi e sculture.

Consigliatissimo munirsi di audioguida, vi basterà richiederla in biglietteria.

I 16 lati della conformazione interna duplicano l’ottagono esterno (simbolo di eternità), evocando la cerchia dei dodici apostoli abbinata al 4 dei punti cardinali, degli evangelisti e delle stagioni.

Un’altro edificio da visitare è  la Basilica di Santa Maria della Steccata  di età barocca, situata nel sottarco della cupola del presbiterio. Qui si trova uno degli ultimi capolavori del Parmigianino “Le vergini sagge e le vergini stolte”.

Bello anche il pulpito ligneo di straordinaria fattura e il monumento funebre al Conte Guido da Correggio.

Situato nella piazza dietro al Duomo c’è Il Monastero di San Giovanni Evangelista, formato dalla chiesa, dal convento e dall’Antica Spezieria.

La chiesa ha nella cupola il suo pezzo forte, dipinta dal Correggio. E’ visibile solo con l’illuminazione a pagamento, portatevi monete da 1 €.

Nel monastero è d’obbligo visitare la biblioteca con più di 50000 volumi e la Spezieria il tutto all’interno di stanze dipinte molto belle.

Un’altro Monastero, poco conosciuto ma di enorme importanza, è quello di San Paolo,  che contiene un capolavoro del Rinascimento italiano: la Camera di San Paolo, o Camera della Badessa, affrescata da Correggio nel 1519.

Entrare nel Teatro Regio, da sempre un tempio della musica in Italia e nel mondo è stato davvero emozionante, consiglio la visita con la guida .

Dopo aver vissuto Parma, non perdete  i Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, l’unica rete di 32 roccaforti presente in Emilia-Romagna suddivise in 25 rocche, fortezze, manieri affrescati e arredati, tutti aperti al pubblico ( prossimo articolo ).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: